Bibliografia gabburriana: fonti citate nelle Vite di Pittori di Francesco Maria Niccolò Gabburri

A cura di A. Cecconi, V. Gelli, M. Nastasi e R. Viale*

Attraverso il lavoro di trascrizione delle Vite di Pittori di Francesco Maria Niccolò Gabburri è stato possibile individuare le metodologie di lavoro e gli strumenti utilizzati dall’erudito nel lungo lavoro di stesura del manoscritto. Oltre all’utilizzo di una cospicua rete di corrispondenti, il fiorentino si servì di un’aggiornata biblioteca, citando nelle sue biografie un numero estesissimo di fonti, alcune edite, altre manoscritte. Data la ricchezza del panorama bibliografico offerto, si è ritenuto opportuno presentare agli studiosi una possibile mappa dei testi citati, frutto di una ricerca, complessa e suscettibile di ulteriori studi e approfondimenti, mirata, quando possibile, all’individuazione delle singole edizioni dei testi consultati dal Gabburri.

A tale scopo, in primis si è proceduto individuando le fonti citate da Gabburri nel manoscritto delle Vite, indicazioni non sempre riportate per esteso ma frammentarie e talvolta difficilmente identificabili. A questi dati sono stati accostati quelli rintracciabili nell’elenco dei libri posseduti al 1722 [1], posto in chiusura del Catalogo dei disegni e delle stampe di Francesco Maria Niccolò Gabburri, conservato presso la Biblioteca Nazionale di Firenze [2].

Occorre però considerare che Gabburri arricchì costantemente la sua biblioteca, soprattutto negli anni Trenta, periodo in cui lavorò alacremente all’ampliamento delle sue biografie: per questa ragione il suddetto catalogo non riporta le pubblicazioni uscite dopo il 1722, che invece risultano essere numerose all’interno delle Vite [3].

Il catalogo dei codici Palatini della Biblioteca Nazionale di Firenze [4] si è rivelato un nuovo e prezioso strumento di ricerca bibliografica, nel quale sono stati rintracciati alcuni manoscritti che presentano lo stemma di Gabburri: si tratta di trascrizioni di specifiche edizioni, che evidentemente sopperivano alla difficoltà di reperire gli antichi testi a stampa.


*Si ringrazia vivamente la Dott.ssa Micaela Sambucco per aver identificato alcune fonti di difficile reperimento.
[1] Le fonti inserite nel catalogo del 1722 (Descrizione dei disegni 1722) e citate nelle Vite sono state marcate con un asterisco.
[2] L’elenco dei libri di letteratura artistica appartenuti a Gabburri fino al 1722 è in appendice a Descrizione dei disegni 1722, consultabile nel sito di Memofonte alla pagina dedicata a Gabburri www.memofonte.it .
[3] Potrà probabilmente essere di ulteriore utilità la consultazione del catalogo manoscritto conservato presso la Fondation Custodia di Parigi, collocabile cronologicamente proprio negli anni Trenta (Stampe e disegni).
[4] Codici Palatini 1889-1950.

In tutti quei casi in cui le informazioni disponibili non hanno permesso l’individuazione della precisa edizione usata dallo scrittore, è stata riportata l’editio princeps oggi conosciuta, mentre le fonti non identificate sono state segnalate in Appendice alla bibliografia.

ABBé DE VILLELON vedi:
MAROLLES Michel de, Catalogue de livres d’estampes et de figures en taille douce, avec un dénombrement des pièces qui y sont contenues, Parigi 1666.

Abela Francesco, Descrizione di Malta, colle sue antichità ed altre notizie, Malta 1647.

Accolti Pietro, Lo inganno degli occhi. Trattato di prospettiva pratica, di lumi e d’ombre e altri insegnamenti di pittura, Firenze 1625.

Achillini Giovanni Filoteo, Viridario, Bologna 1513.

Agostino del Riccio, Istoria delle pietre, ms.

Agostino del Riccio, Trattato dell’agricoltura, ms.

Alberti Leandro, Descrittione di tutta Italia […], nella quale si contiene il sito di essa, l’origine, et le signorie delle città, et delle castella, coi nomi antichi et moderni, i costumi de popoli, le condicioni de paesi: et più gli huomini famosi che l’hanno illustrata, i monti, i laghi, i fiumi, le fontane, i bagni, le minere, con tutte l’opre maravigliose in lei dalla natura prodotte, Bologna 1550.

Alberti Leandro, Descrittione di tutta Italia […], Bologna 1550.

Alberti Leon Battista, Trattato della scultura, traduzione di Cosimo Bartoli, Venezia 1568.

Alberti Romano, Origine, et progresso dell’Accademia del dissegno, de’ pittori, scultori e architetti di Roma, Pavia 1604.

Albertini Francesco, Memoriale di molte statue et picture di Florentia, Firenze 1510.

Albertini Francesco, Opusculum de mirabilibus novae e veteris urbis Romae, in De Roma prisca et noua varii auctores prout in sequenti pagella cernere est, Roma 1523.

Albrizzi Giovanni Battista, Il Forestiere illuminato intorno le cose più rare e curiose antiche e moderne della città di Venezia e dell’Isole circonvicine, Venezia 1740.

Alessi Cesare, Elogia civium Perusinorum, qui patriam, rerum, pace ac Bello gestarum gloria illustrarunt. Centuria prima Caesar Alexius I.V.D. Perusinus colligebat, Foligno 1635.

Alessi Cesare, Elogia civium Perusinorum, qui patriam, rerum, pace ac Bello gestarum gloria illustrarunt. Centuria secunadae Caesar Alexius I.V.D. Perusinus colligebat, Roma 1652.

Arfe y Villafañe Juan de, De Varia commensuración para la esculptura y architectura, Siviglia 1585.

Ariosto Ludovico, Orlando furioso, Venezia 1532.

Armenini Giovanni Battista, De’ veri precetti della pittura libri tre. Ne’ quali con bell’ordine d’utili, et buoni avertimenti, per chi desidera in essa farsi con prestezza eccellente; si dimostrano i modi principali del disegnare, et del dipignere. Opera non solo utile, et necessaria a tutti gli artefici per cagion del disegno, ma anco a ciascun altra persona intendente di così nobile professione, Ravenna 1587.


Auria Vincenzo
, La Sicilia inventrice o vero le invenzioni lodevoli nate in Sicilia, opera del dottor d. Vincenzo Auria palermitano. Con li divertimenti geniali, osservazioni e giunte all'istessa di d. Antonino Mongitore sacerdote palermitano, Palermo 1704.

Averoldi Giulio Antonio, Le scelte pitture di Brescia additate al forestiere, Brescia 1700.

Aviler Augustin-Charles d’, Cours d'architecture qui comprend les ordres de Vignole, avec des commentaires, les figures et descriptions de es plus beaux bâtimens, et de ceux de Michel-Ange, plusieurs nouveaux desseins [...] l’art de bâtir avec une ample explication par ordre alphabétique de tous les termes par le sieur A. C. Daviler, Parigi 1691.

Baglione Giovanni, Le vite de’ pittori scultori et architetti. Dal pontificato di Gregorio XIII del 1572, Roma 1642.

Baldelli Francesco, Uomini illustri di Cortona, ms.

Baldelli Niccolò, Proteo vagante ammiratore dell’opere dell’immortale pennello di Lorenzo Pasinelli, pittore bolognese, Bologna 1691.

Baldi Bernardino, Memorie concernenti la città di Urbino, cioè encomio della patria e descrizione del Palazzo Ducale d’Urbino, Roma 1734.

Baldi Lazzaro, Breve compendio della vita e morte di San Lazzaro monaco pittore, Roma 1681.

Baldinucci Filippo, Cominciamento e progresso dell’arte dell’intagliare in rame, Firenze 1686.

Baldinucci Filippo, Lettera al Marchese Capponi, nella quale risponde ad alcuni quesiti in materia di pittura, Firenze 1687.

Baldinucci Filippo, Notizie de’ Professori del disegno da Cimabue in qua, Firenze 1681-1728.

Baldinucci Filippo, Vita del cavalier Bernino, Firenze 1682.

Baldinucci Francesco Saverio, Notizie, ms [5].

Barbaro Daniello, La pratica della prospettiva, Venezia 1569.

Barozzi Jacopo da Vignola, Le due regole della Prospettiva pratica con commentari del P. Egnatio Danti, Roma 1611.

Barozzi Jacopo da Vignola, Regola delli cinque ordini d’architettura, Roma 1562.

Barri Giacomo, Viaggio pittoresco in cui si notano distintamente tutte le pitture famose de’ più celebri che si conservano in qualsivoglia città dell’Italia, Venezia 1671.

Bartholin Thomas, Thomae Bartolini Anatome ex omnium veterum recentiorumque observationibus inprimis institutionibus b.m. parentis Caspari Bartholini, ad circulationem Harveianam, et vasa lymphatica quartum renovata cum iconibus et indicibus, Leida 1673 [6].

Baruffaldi Girolamo, Vite de’ pittori e scultori ferraresi, ms.

Bellori Giampietro, Admiranda Romanarum Antiquitatum ac veteris sculpturae vestigia, Roma 1690.

Bellori Giampietro, Descrizione delle immagini dipinte da Raffaello nelle camere di Vaticano, Roma 1695.

Bellori Giampietro, Vite de’ pittori, scultori e architetti moderni, Roma 1728.

Bellucci Giovanni Battista, Nuova invenzione di fabricar fortezze, Venezia 1598.

Bembo Pietro, Lettere, Venezia 1552.

Bie Cornelis de, Het gulden Cabinet vande edele vry schilder-const [...] waer-inne begrepen is den ontsterffelijcken loff vande vermaerste constminnende geesten ende schilders van dese eeuw, hier inne meest naer het leven afgebeeldt, verciert met veel vermakelijcke rijmen ende spreucken, Anversa 1662.

Biondo Flavio, Italia illustrata, Roma 1474.

Biondo Michelangelo, Della nobilissima pittura, et della sua arte, Venezia 1549 [7].

Bisagno Francesco Domenico, Trattato della pittura. Fondato nell'autorità di molti eccellenti in questa professione. Fatto a commune beneficio de’ virtuosi da Fra D. Francesco Bisagno, Venezia 1642.

Bocchi Francesco, Le bellezze della città di Firenze dove a pieno di pittura di scultura di sacri templi, di palazzi, i più notabili artifizj, e più preziosi si contengono. Scritte già da m. Francesco Bocchi, ed ora da m. Giovanni Cinelli ampliate, ed accresciute, Firenze 1677.

Bocchi Francesco, Opera di M. Francesco Bocchi sopra l’imagine miracolosa della santissima Nunziata di Fiorenza, Firenze 1592.

Boeckler Georg Andreas, Architectura curiosa nova, Norimberga 1664.

Boissat Pierre de, Le Brillant de la Royne, ou les Vies des hommes illustres du nom de Médicis, Lione 1613.

Bombourg Jean de, Recherche curieuse de la vie de Raphaël […] de ses œuvres […] qui ont été gravées […] par Marc-Antoine Bolognais […] Et un petit recueil des plus beaux tableaux […], Lione 1675.

Borghini Raffaello, Il Riposo, Firenze 1730 [8].

Borromeo Federico, Il libro intitolato La Gratia de’ Principi, Milano 1632.

Boselli Orfeo, Osservazioni della scoltura antica, ms [9].

Boschini Marco, L’arcipelago con tutte le isole, scogli, secche e bassi fondi […],Venezia 1658.*

Boschini Marco, La Carta del navigar pittoresco, Venezia 1660.*

Boschini Marco, Descrizione di tutte le pubbliche pitture della città di Venezia e isole circonvicine o sia Rinnovazione delle ricche minere di Marco Boschini. Colla aggiunta di tutte le opere che uscirono dal 1674 fino al presente 1733. Un compendio delle Vite, e maniere de’ principali pittori,Venezia 1733 [10].

Bosio Antonio, Roma sotterranea, Roma 1632.

Bruni Antonio, Epistole heroiche: poesie, Venezia 1644.


Bruni Leonardo
, La Historia universale de’ suoi tempi di m. Lionardo Aretino. Nella qual si contengono tutte le guerre fatte tra principi in Italia, et spetialmente da Fiorentini in diversi tempi fino al 1404. Con la giunta delle cose fatte da quel tempo fino all’anno 1560. Et con l’annotationi poste in margine a suoi luoghi. Riveduta, ampliata et corretta per Francesco Sansovino, Venezia 1561.

Bruni Leonardo, Le Vite di Dante e del Petrarca, scritte da Lionardo Aretino, cavate da un manuscritto antico della libreria di Francesco Redi e confrontate con altri scritti a penna, Firenze 1672.

Bulifon Antonio, Lettere memorabili, istoriche, politiche ed erudite […] e dedicate all’Illustrissimo Signore Mattia Preti Cavaliero gerolosimitano, Napoli 1693 [11].

Bumaldo JO. ANTONIUS vedi:
MONTALBANI Ovidio, Minerualia Bonon. ciuium anademata, seu Bibliotheca Bononiensis, cui accessit antiquiorum pictorum, et sculptorum Bonon. brevis catalogus, collectore Io. Antonio Bumaldo, Bologna 1641.

Buonarroti Filippo, Osservazioni istoriche sopra alcuni medaglioni antichi all’Altezza Serenissima di Cosimo terzo Gran Duca di Toscana, Roma 1648.

Buonfiglio Gioseppe e Costanzo, Messina città nobilissima, descritta in VIII libri, Venezia 1606.

Burchiello, Rime del Burchiello comentate dal Doni, Venezia 1553.

Butron Juan de, Discursos apologeticos, en que se defiende la ingenuidad del arte de la pintura, Madrid 1626.


[5] Cfr. Zibaldone baldinucciano 1980-1981.
[6] Nelle Vite (Vite di Pittori) si trova citata un’edizione del 1686 con il ritratto dell’autore eseguito da Heinrich Ditmer.
[7] Dal Catalogo dei manoscritti Palatini (Codici Palatini 1889-1950) si evince che nella biblioteca di Gabburri era presente una copia manoscritta dell’edizione citata (Della nobilissima pittura).
[8] Nel Catalogo del 1722 (Descrizione dei disegni 1722) è presente l’edizione del 1584, ma nelle Vite Gabburri cita esplicitamente quella settecentesca, alla cui pubblicazione partecipò in prima persona.
[9] Dal Catalogo dei manoscritti Palatini (Codici Palatini 1889-1950) si evince che nella biblioteca di Gabburri era presente una copia manoscritta (Scoltura antica).
[10] Nel Catalogo del 1722 (Descrizione dei disegni 1722) è presente l’edizione del 1674, intitolata Le ricche miniere della pittura Veneziana […]. La revisione del testo uscito nel 1733 fu curata da Anton Maria Zanetti.
[11] Di tale opera furono licenziate molte edizioni negli stessi anni, dedicate a personalità diverse. Nelle Vite Gabburri utilizza Bulifon come fonte nella biografia di Mattia Preti, perciò è stata riportata l’edizione a lui dedicata.

 

Cainda Hermino, Egloghe, Bologna 1501.

Campen Jacob van, Afbeelding van’t Stadt Huys van Amsterdam: in dartigh coopere plaaten geordineert, Amsterdam 1661 [12].

Campi Antonio, Le cronache di Cremona, fedelissima città et nobilissima colonia de’ Romani rappresentata in disegno, col suo contado, et illustrata d’una breve istoria delle cose più notabili, Cremona 1585.

Capriolo Elia, Delle Historie Bresciane […], Brescia 1585.

Carabelli Giovanni, Le belle arti pittura, scultura e architettura, compimento e perfezione delle bellezze dell’universo, Roma 1711.

Carducho Vincente, Dialogos de la pintura, su defensa, origen, definicion, modos y diferencias, Madrid 1633.

Carlevaris Luca, Le fabbriche et vedute di Venetia, disegnate […], Venezia 1703.*

Caro Annibal, Lettere, Venezia 1572.

Castelvetro Lodovico, Poetica d’Aristotele vulgarizzata, et sposta per Lodouico Casteluetro. Riueduta, et ammendata secondo l’originale, et la mente dell’autore. Aggiuntovi nella fine un racconto delle cose più notabili, che nella spositione si contengono, Basilea 1576.

Cavaci Jacobo, Illustriora anachoretarum elogia sive religiosi viri musaeum […], Venezia 1625.

Cavalieri Giovanni Battista, Urbis Romae aedificiorum illustriumquae […] supersunt reliquiae summa cum diligentia a Joanne Antonio Dosio stilo ferreo ut hodie cernuntur descriptae et a Jo Baptista de Cavaleriis aeneis tabulis incisis repraesentatae, Roma 1569.

Cavalieri Giovanni Battista, Ecclesiae Anglicanae trophaea sive Sanctorum martyrum qui pro Christo catholicaeque fidei veritate asserenda antiquo recentiorique persecutionum tempore mortem in Anglia subierunt, passiones Romae in collegio Anglico per Nicolaum Circinianum depictae: nuper autem per Jo. Bap. de Cavalleriis aeneis typis repraesentatae, Roma 1584.

Cavalieri Giovanni Battista, Ecclesiae militantis triumphi sive Deo amabilium martyrum gloriosa pro Christi fide certamina prout opera et patrum Societatis Iesu collegii Germanici et Hungarici moderatoris impensa s.d.n. Gregorii pp. XIII in ecclesia S. Stephani Rotundi, Romae Nicolai Circiniani pictoris manu visuntur depicta ad excitandam piorum devotionem a Joanne Bap.ta de Cavalleriis aeneis typis accurate expressa, Roma 1585.

Ceccherelli Alessandro, Delle azioni e sentenze del signor Alessandro de’ Medici, primo duca di Firenze, Firenze 1587.

Cellarius Christoph, Notitia orbis antiqui, sive geographia plenior […] Edizione Alteram hanc editionem annotationibus varii generis […] illustravit et auxit L. Jo. Conradus Schwartz […], Lipsia 1731-1732.

Cellini Benvenuto, Due trattati, uno intorno alle otto principali parti della oreficeria; l’altro in materia dell’arte della scultura, dove si veggono infiniti segreti nel lavorare le figure di marmo e nel gettarle di bronzo, Firenze 1731 [13].

Cellini Benvenuto, Vita scritta da lui medesimo, Napoli 1728 [14].

Cervoni Giovanni, Descrizzione de la felicissima entrata del serenis. d. Ferdinando de’ Medici cardinale, gran duca di Toscana nella città di Pisa. Scritta da Giovanni Cervoni, Firenze 1588.

Chiabrera Gabbriello, Rime del signor Gabriello Chiabrera, raccolte per Giuseppe Pavoni, Genova 1599.

Ciatti Felice, Memorie annali ed istoriche delle cose di Perugia, Perugia 1636 [15].

Cigna Ippolito, Notizie manoscritte delle opere di pittura di valenti artefici, che si vedono nella città di Volterra, suoi borghi e luoghi di Val di Cecina, ms [16].

Cini Domenico, Osservazioni storiche sopra l’antico stato della montagna pistoiese: con un discorso sopra l’origine di Pistoia [...], Firenze 1737.

Ciocchi Giovanni Maria, Le pitture in Parnaso, Firenze 1725.

Coppi Giovanni Vincenzo, Annali. Memorie ed huomini illustri di Sangimignano, Firenze 1695.

Courtone Jean, Traité de la perspective pratique, avec des remarques sur l’architecture, suivies de quelques édifices considérables mis en perspective, et de l’invention de l’auteur [...], Parigi 1725.

Coypel Antoine, Discours prononcez dans les conferences de l’academia royale de peinture et de sculpture, Parigi 1721.

Cozzando Leonardo, Vago e curioso ristretto profano, e sagro dell’historia bresciana del M. R. P. maestro Leonardo Cozzando, Brescia 1694.*

Crispolti Cesare, Perugia Augusta descritta, Perugia 1648.


[12] È stata indicata l’edizione illustrata da Dancker Danckerts, usata per la redazione della biografia dell’incisore olandese.
[13] Nel 1722 (Descrizione dei disegni 1722) Gabburri possedeva l’edizione del 1568, mentre nelle Vite cita la suddetta ristampa fiorentina, poiché fa riferimento all’aggiunta di un «frammento di un trattato sopra il modo dell’insegnare il disegno ai fanciulli».
[14] Nel 1722 Gabburri ne possedeva una versione manoscritta, utilizzata nel 1728 per l’edizione riportata, eseguita a Napoli e non a Colonia come compare sul frontespizio.
[15] Nel manoscritto delle Vite Gabburri indica Ciatti come autore delle «storie di Perugia», e questa sembra essere l’opera più pertinente alla citazione.
[16] Parte delle Notizie di Ippolito Cigna si trovano oggi in Zibaldone 1198, [cc. 91-100]. La trascrizione del documento è consultabile nel presente numero della rivista «Studi di Memofonte».

Dal Pozzo Bartolommeo, Le vite de’ pittori, scultori e architetti veronesi, Verona 1718.*

D’Ambrosio Gioseppe, Quattro portenti della natura, dell’arte della grazia e della gloria rappresentati dalla... città di Messina nell’anno 1685 ne’ festeggiamenti della Sagra Lettera che le scrisse Maria Vergine [...], Messina 1685.

Dati Carlo Roberto, Delle lodi del commendatore Cassiano Dal Pozzo orazione di Carlo Dati, Firenze 1664.

Dati Carlo Roberto, Vite de pittori antichi scritte e illustrate da Carlo Dati nell’Accademia della Crusca lo Smarrito, Firenze 1667.*

David Lodovico Antonio, Il disinganno delle principali notizie ed erudizioni dell’arti più nobili del disegno, ms.

Davila Enrico Caterino, Historia delle guerre civili di Francia di Henrico Caterino Davila: nella quale si contengono le operationi di quattro re, Francesco II. Carlo IX. Henrico III. et Henrico IV. cognominato il grande. Con l'indice delle cose più notabili, Parigi 1644.

De Dominici Bernardo, Vita di Luca Giordano, in BELLORI GIAMPIETRO, Vite de’ pittori, scultori e architetti moderni, Roma 1728.

De Milo Domenico Andrea, Ragionamenti del signor Domenico Andrea De Milo [...] con l’aggiunzione di alcune rime non più impresse [...], Napoli 1721.

De Rossi Bastiano, Descrizione del magnificentiss. apparato. E de’ maravigliosi intermedi fatti per la commedia rappresentata in Firenze nelle felicissime nozze degl’illustrissimi [...] don Cesare d’Este, e la signora donna Virginia Medici, Firenze 1585.

De Rossi Bastiano, Lettera di Bastiano de’ Rossi cognominato lo Inferigno, academico della Crusca a Flamminio Mannelli nobil fiorentino, nella quale si ragiona di Torquato Tasso, del dialogo dell'epica poesia di messer Cammillo Pellegrino, della risposta fattagli dagli accademici della Crusca, e delle famiglie, e degli huomini della città di Firenze, Firenze 1585.

Del Migliore Ferdinando Leopoldo, Firenze città nobilissma illustrata da Ferdinando Leopoldo Del Migliore. Prima, seconda e terza parte del primo libro, Firenze 1684.*

Dolce Lodovico, Dialogo della pittura […], intitolato l’Aretino. Nel quale si ragiona della dignità di essa pittura, e di tutte le parti necessarie, che a perfetto pittore si acconuengono: con esempi di pittori antichi, et moderni: e nel fine si fa mentione delle virtù e delle opere del Divin Titiano, Venezia 1557.

Donati Alessandro, Roma vetus ac recens utriusque aedificiis ad eruditam cognitionem expositis auctore Alexandro Donato Senensi e Societate Iesu, Roma 1638.

Donia Matteo, Il Giorgio, poema sacro et heroico del sig. Matteo Donia palermitano; donato da lui à Giouan Battista suo figliuolo. Con un breve discorso del r. sig. d. Leonardo Orlandini et Greco, Palermo 1600.

Equicola Mario, Institutioni di Mario Equicola al comporre in ogni sorte di Rima della lingua volgare, con uno eruditissimo Discorso della Pittura, et con molte segrete allegorie circa le Muse et la Poesia, Milano 1541.

Erasmo da Rotterdam, Moriae enchomium sive Stultitiae Laus, Basilea 1676.

Esequie del divino Michelagnolo Buonarroti celebrate in Firenze dall’Accademia de pittori, scultori et architettori, Firenze 1564.

Fabri Girolamo, Le sagre memorie di Ravenna antica, Venezia 1619.


Fabri Girolamo
, Ravenna ricercata overo Compendio istorico delle cose più notabili dell’antica città di Ravenna, Bologna 1678.


Fazello Tommaso
, De rebus Siculis decades duae, nunc primum in lucem editae. His accessit totius operis index locupletissimus, Palermo 1558.


Félibien des Avaux André
, Entretiens sur les vies et sur les ouvrages des plus excellens peintres anciens et modernes […], voll. 5, Parigi 1666-1688.

Félibien des Avaux André, Des principes de l’architecture, de la sculpture, de la peinture et les autres arts […], Parigi 1697.*

Félibien des Avaux Jean-Francois, Recueil historique de la vie et des ouvrages des plus célèbres architectes, Parigi 1687 [17].

Ferrero Francesco Maria, Augustae regiaeque Sabaudae domus arbor gentilitia regiae celsitudini Victori Amedeo II. Sabaudiae duci, Pedemontii principi, Cypri regi et c. [...], Torino 1702.

Foppa Vincenzo, Libro dell’arte della pittura, ms.

Francavilla Pietro, Il microcosmo, ms.

Francesco da Barberino, Documenti d’amore di M. Francesco Barberino, Roma 1640 [18].

Franchi Antonio, La teorica della pittura, ovvero Trattato delle materie più necessarie, per apprendere con fondamento quest’arte, Lucca 1739 [19].

Fréart Roland, Idée de la perfection de la peinture démontrée par les principes de l’art et par des exemples conformes aux observations que Pline et Quintilien ont faites sur les plus célèbres tableaux des anciens peintres, mis en parallèle à quelques ouvrages de nos meilleurs peintres modernes, Leonard de Vinci, Raphael, Jules Romain, et le Poussin, Mans 1662.

Frézier AmÉdÉe, La théorie et la pratique de la coupe des pierres et des bois pour la construction des voûtes, 3 voll., Parigi 1737-1739.


[17] Il nome di Félibien compare innumerevoli volte fra le fonti delle biografie gabburriane, senza alcuna specifica del nome di battesimo. Non ci sono riferimenti alle opere e alle edizioni usate, a parte quello alla «Raccolta delle vite e delle opere degli architetti più celebri»: le edizioni settecentesche dei volumi dei due Félibien presentano i sei volumi tutti insieme, perciò preso atto di questo dato e non avendo a disposizione indicazioni ulteriori, anche in questo caso è stata riportata l’editio princeps.
[18] L’opera di Francesco da Barberino è datata 1314, ma Gabburri nelle Vite utilizza l’edizione illustrata del 1640.
[19] Tale opera uscì con la dedica a Francesco Maria Niccolò Gabburri.

Galli Bibbiena Ferdinando, L’architettura civile preparata su la geometria, e ridotta alle prospettive, Parma 1711 [20].

Garzoni Tommaso, La piazza universale di tutte le professioni del mondo novamente ristampata et posta in luce da Thomaso Garzoni da Bagnacavallo [...], Venezia 1593.

Gaurico Pomponio, De sculptura, Firenze 1504.

Gayot de Pitaval Francois, Esprit des conversations agréables, ou Nouveau mélange de pensées choisies, en vers et en prose, [...], Parigi 1731.

Generini Francesco, Disegno del globo andante di Francesco Generini scultor fiorent. formato da lui per mostrare il moto diurno, lunare, et annuo [...], Firenze 1645.

Ghilini Girolamo, Teatro d’uomini letterati, Venezia 1647.

Ghirardacci Cherubino, Dell’historia di Bologna […], Bologna 1596 [21].

Gli eccelsi pregi delle belle arti e la scambievole lor congiunzione con le mattematiche scienze: mostrata nel Campidoglio dall’Accademia del Disegno in occasione del concorso celebrato dalla medesima nell’anno 1732, Roma 1733.

Goltz Hubert, Romanae et Grecae antiquitatis monumenta e priscis numismatibus eruta per Hubertum Goltzium […], Anversa 1645.

Grazzini Anton Francesco detto il Lasca, De bello Cyprio libri quinque, Roma 1624.

Grazzini Anton Francesco detto il Lasca, Libro delle Rime, Firenze 1741.

Gualterotti Raffaello, Descrizione del reale apparato per le nozze della Serenissima Madama Cristina di Lorena, moglie del Serenissimo don Ferdinando Medici, Granduca di Toscana, Firenze 1589.

Gualteruzzo Carlo da Fano, Cento Novelle, Firenze 1724.

Guazzo Marco, Historie di tutte le cose degne di memoria, Venezia 1544.

Guilbert Pierre, Description historique des château, bourg et forêt de Fontainebleau, Parigi 1731.


[20] Nel catalogo del 1722 (Descrizione dei disegni 1722, c. 185) si trovano «Numero 90 carte di diverse grandezze, di prospettive, di scene e cartelloni e vedute di prospettiva, inventate da Ferdinando Galli detto il Bibbiena, bolognese pittore e architetto all’Altezza Sovrana del signor duca di Parma. Raccolte da Pietro Abbati ed intagliate da Carlantonio Buffagnotti».
[21] Nelle Vite Gabburri cita il primo e il secondo volume del Ghirardacci, perciò si fa presente che la parte seconda fu pubblicata nel 1657 da Giacomo Monti.

Il Gran teatro di Venezia ovvero descrizione esatta di cento delle più insigni prospettive, e di altrettante celebri pitture della medesima città con la narrazione della fondazione delle chiese, monasteri, spedali, isolette, e altri luoghi si pubblici, come privati [...], Venezia 1715.

Incognito conoscitore vedi:
Lanceni Giovanni Battista, Ricreazione pittorica o sia Notizia universale delle pitture nelle chiese, e luoghi pubblici di Verona. Opera presentata al pubblico in favore de’ dilettanti dall’incognito conoscitore, Verona 1720.

Indice delle stampe intagliate in rame a bulino e all’acqua forte, esistenti nella stamperia di Domenico de’ Rossi, Roma 1724.

Junius Franciscus, De pictura veterum libri tres, Amsterdam 1637.

La Mottraye Aubry de, Voyages du Sr. A. de la Motraye en Europe, Asie et Afrique où l'on trouve une grande variété de recherches géographiques, historiques et politiques des remarques instructives sur les moeurs, des peuples, des relations fidèlles des événemens considérables arrivées [sic] pendant plus de 26 années, employées dans ses voyages, comme de la révolution en Turquie, La Haye 1727.

Lami Giovanni, Delicae eruditorum suum veterum opuscolorum collectanea, Firenze 1741 [22].

Lamo Alessandro, Discorso intorno alla scultura e pittura, dove si ragiona della vita ed opere in molti luoghi e di diversi principi e personaggi, Cremona 1584.*

Laparelli Anibale, Croniche di Cortona, ms.

Le belle arti, pittura scultura e architettura, compimento a perfezione della bellezza dell’universo, mostrate nel Campidoglio dall’Accademia del Disegno, Roma 1711.*

Le cabinet de plus beaux portraits de plusieurs princes et princesses, hommes illustres, fameux peintres, sculpteurs, architectes, amateurs de la peinture et autres faits par le fameux Antoine Van Dyck, chevalier et peintre du Roy […], Amsterdam 1732.

Le Comte Florent, Cabinet des singularitez d'architecture, peinture, sculpture et graveure, ou Introduction à la connoissance des plus beaux arts figurés sous les tableaux, les statues et les estampes, 3 voll., Bruxelles 1702.*

Le pompe dell’Accademia del Disegno solennemente celebrate nel Campidoglio il dì 25 febraro 1702, descritte da Giuseppe Ghezzi pittore e segretario di essa. [...], Roma 1702.*

Leonardi Camillo, Speculum lapidum, et D. Petri Arlensis de Scudalupis, […] Sympathia septem metallorum ac septem selectorum lapidum ad planetas. Accedit Magia astrologica Petri Constantii Albinii villanovensis, Amburgo 1717.

Leoncini Giuseppe, Instruttioni architettoniche pratiche concernenti le parti principali degli edificij delle case, secondo la dottrina di Vetruvio, e d’altri classici autori. Compendiate da Gioseppe Leoncini cittadin fiorentino, a pro delli studenti d’architettura […], Roma 1679.

Leti Gregorio, L’Italia regnante o vero nova descritione dello stato presente di tutti prencipati, e republiche d’Italia. Dedicata al re christianissimo, voll. 4, Genova 1675-1676.

Leti Gregorio, Vita del catolico re Filippo II monarca delle Spagne […] da Gregorio Leti detto il Resuscitato, voll. 2, Coligny 1679.

Leti Gregorio, Historia, overo vita di Elisabetta regina d’Inghilterra […], Amsterdam 1693.

Lenzoni Carlo, In difesa della lingua fiorentina, et di Dante. Con le regole da far bella et numerosa la prosa, Firenze 1556.

Ligorio Pirro, Libro di m. Pyrrho Ligori napolitano, delle antichità di Roma, nel quale si tratta de’ circi, theatri, et anfitheatri […] paradosse […], Venezia 1552.

Lippi Lorenzo, Il Malmantile racquistato. Poema di Perlone Zipoli, Firenze 1731 [23].

Lomazzo Giovanni Paolo, Idea del tempio della pittura di Gio. Paolo Lomazzo pittore. Nella quale egli discorre dell’origine, et fondamento delle cose contenute nel suo trattato dell’arte della pittura, Milano 1590.

Lomazzo Giovanni Paolo, Rime di Gio. Paolo Lomazzi milanese pittore, divise in sette libri. [...] Et pero intitolate Grotteschi, non solo dilettevoli per la varietà de le inventioni, ma utili ancora per la moralità che vi si contiene. Con la vita del Auttore descritta da lui stesso in rime sciolte, Milano 1587.

Lomazzo Giovanni Paolo, Trattato dell’arte de la pittura di Gio. Paolo Lomazzo milanese pittore. Diviso in sette libri. Ne’ quali si contiene tutta la theorica, et la prattica d’essa pittura, Milano 1584.*

Lottini Giovanni Angelo, Scelta d’alcuni miracoli e grazie della Santissima Nunziata di Firenze descritti dal p.f. Gio. Angiolo Lottini […], Firenze 1636.*


[22] Il testo comprende una parte intitolata Charitonis et Hippophili Hodoeporici, titolo a cui fa riferimento Gabburri nelle sue citazioni.
[23] Vite di pittori, [p. 2155 – IV – C_203R]: «Malmantile ristampato in Firenze in due tomi l’anno ... [sic] con molte note e aggiunte, dove sono ancora alcuni rami intagliati da Francesco Zuccarelli».

Maggi Giovanni, Fontane diverse che si vedano nel’alma città di Roma et altre parte d’Italia delineate da Giouanni Maggi romano pitore et architetto, con diverse altre novamente dal istesso inventate et poste in luce ad instanza di Gio Domenico Rossi alla Pace, Roma 1618.

Maggi Girolamo, De tintinnabulis liber postumus. Franciscus Sweertius f. Antuerp. notis illustrabat, Hannover 1608.

Maggi Girolamo, De urbium architectura e Maggi Girolamo, De urbium expugnatione vedi:
Maggi Girolamo, Della fortificatione delle città, di m. Girolamo Maggi, e del capitan Iacomo Castriotto, ingegniero del christianiss. re di Francia, libri 3. [...] Discorso del medesimo Maggi sopra la fortificatione de gli alloggiamenti de gli esserciti. Discorso del capitan Francesco Montemellino sopra la fortificatione del borgo di Roma. Trattato dell’ordinanze, overo battaglie del capitan Giovacchino da Coniano. Ragionamento del sudetto Castriotto sopra le fortezze della Francia, Venezia 1564.

Maggi Girolamo, Hieronymi Magii De equuleo liber postumus. Additae notae: et appendix e viris doctis, qui idem argumentum pertractantur, Hannover 1609.

Malvasia Carlo Cesare, Felsina pittrice vite de' pittori bolognesi alla maestà christianissima di Luigi XIV re di Francia e di Navarra il sempre vittorioso consagrata dal co. Carlo Cesare Malvasia fra Gelati l’Ascoso. Divisa in duoi tomi, con indici in fine copiosissimi, Bologna 1678.*

Mancini Giulio, Trattato di pittura, ms [24].

Manni Domenico Maria, Osservazioni istoriche [...] sopra i sigilli antichi de’ secoli bassi, Firenze 1739-1784 [25].

Marino Giambattista, Dicerie sacre. La pittura, diceria prima sopra la Santa Sindone. La musica, diceria seconda sopra le sette parole dette da Christo in croce. Il cielo, diceria terza sopra la religione de’ Santi Muritio et Lazaro, Venezia 1615.

Marolles Michel de (abbÉ de Villeloin), Catalogue de livres d’estampes et de figures en taille douce, avec un dénombrement des pièces qui y sont contenues, Parigi 1666.

Masini Antonio, Bologna perlustrata, in cui si fa mentione ogni giorno in perpetuo delle fontioni sacre, e profane di tutto l’anno. Delle chiese e loro feste, indulgenze, reliquie […], Bologna 1650.*

Mazzolari Ilario, Le reali grandezze dell’Escuriale di Spagna, Bologna 1648.*

Mazzucchelli Giammaria, La vita di Pietro Aretino scritta dal conte Giammaria Mazzucchelli bresciano, Padova 1741.

Memorie del calcio fiorentino tratte da diverse scritture e dedicate all’altezze serenissime di Ferdinando principe di Toscana e Violante Beatrice di Baviera, Firenze 1688. [26]

Memorie istoriche della guerra tra l’Imperiale Casa d’Austria e la Real Casa di Borbone dall’anno 1701 sino all’anno 1713, Venezia 1736.

Merula Paulus, Cosmographia generalis et geographia particularis, Amsterdam 1621.

Mini Paolo, Difesa della città di Firenze, et de i fiorentini. Contra le calunnie et maledicentie de maligni. Composta da Paolo Mini fiorentino medico e filosofo, Lione 1577.

Mini Paolo, Discorso della nobiltà di Firenze e de fiorentini. Di Paolo Mini medico, filosofo, e cittadino fiorentino, Firenze 1593.

Mongitore Antonio vedi:
Auria Vincenzo, La Sicilia inventrice o vero Le invenzioni lodevoli nate in Sicilia, opera del dottor d. Vincenzo Auria palermitano. Con li divertimenti geniali, osservazioni e giunte all’istessa di d. Antonino Mongitore sacerdote palermitano, Palermo 1704.

Moniglia Giovanni Andrea, Delle poesie drammatiche di Giovannandrea Moniglia […], voll. 3, Firenze 1689-1690.

Morelli Giovanni Francesco, Brevi notizie delle pitture, e sculture che adornano l’augusta città di Perugia. Ragunate da Gio. Franc. Morelli perugino all’illustriss. sig. conte Orazio Ferretti, Perugia 1683.*

Muzio Achille, Achillis Mucii Theatrum sex partibus distinctum […] ad singulas partes argumenta, tum Marii Mutii poetae filii annotationes ad Theatrum ipsum […] Hic etiam Moysis Mucii Bergomatis Pergamenum extremo in Theatro substituimus opus sane antiquissimum […], Bergamo 1596.


[24] Cfr. Mancini 1957.
[25] L’opera è composta da 30 volumi pubblicati fra il 1739 e il 1784: considerata la data di morte di Gabburri (1742) si suppone che lo scrittore abbia potuto consultare solo fino al VII volume, edito nel 1741. In Vite di pittori, [p. 2231 – IV – C_249R] si legge «Giuseppe Maria Manni nella sua opera Sopra i sigilli degli antichi ecc., a 85, pubblicata alle stampe in Firenze nel 1738», sbagliando il nome di battesimo.
[26] Il riferimento, riportato da Gabburri solo con la dicitura «Descrizione del calcio fiorentino», è da collegare a tale pubblicazione in quanto la citazione è presente nella Vita di Alessandro Cecchini, autore della tavola illustrativa.

Negri Giovanni Francesco vedi:
Tasso Torquato, La Gierusalemme liberata del signor Torquato Tasso, tradottione in lingua bolognese popolare di Gio. Francesco Negri, pittore, Venezia 1609.

Nemeitz Joachim Christoph, Séjour de Paris, c’est a dire, Instructions fideles, pour les voyageurs de condition, comment ils se doivent conduire, s’ils veulent faire un bon usage de leurs tems et argent, durant leur séjour a Paris […], Leida 1727.

Nicolosi Giovan Battista, Hercules Siculus sive Studium geographicum auctore Joanne Baptista Nicolosio Hyblensi sacerdote, et sacrae theologiae doctore […], Roma 1670-1671.

Noris Matteo, L’animo eroe, attioni historiche de’ più famosi antichi descritte da Matteo Noris, Venezia 1689.

Notizie letterarie, ed istoriche intorno agli uomini illustri dell’Accademia fiorentina, Firenze 1700.

Olina Giovanni Pietro, Uccelliera overo discorso della natura, e proprietà di diversi uccelli, e in particolare di que che cantano. Con il modo di prendergli, conoscergli, allevargli, e mantenergli. E con le figure cavate dal vero, e diligentem.te intagliate dal Tempesta, e dal Villamena, Roma 1684.

Orlandi Pellegrino Antonio, Abcedario pittorico nel quale compendiosamente sono descritte le patrie, i maestri, ed i tempi, ne’ quali fiorirono circa quattro mila professori di pittura, di scultura, e d’architettura diviso in tre parti, Bologna 1704.*

Orlandi Pellegrino Antonio, L’Abcedario pittorico dall’autore ristampato e corretto, ed accresciuto di molti professori e di altre notizie spettanti alla pittura: Ed in quest’ultima impressione con nuova e copiosa aggiunta di alcuni altri professori al signor Francesco Mura Eccellente e Magnifico pittore Napoletano, in Bologna ed in Napoli per Angelo Vocola, Napoli 1731.

Pacheco Francisco, Arte de la pintura: su antiguedad y grandezas, Siviglia 1649.

Paggi Giovanni Battista, Definizione e divisione della pittura, Genova 1607.

Palomino de Castro y Velasco Antonio, El museo pictorico, y escala optica, Madrid 1715-1724.

Pardo de Figueroa Benito, Exãmen analitico del quadro de la Transfiguración de Rafaél de Urbino, seguido de algunas observaciones sobre la pintura de los Griegos, ms.*

Pascoli Lione, Vite de’ pittori, scultori, ed architetti moderni scritte, e dedicate alla maestà di Vittorio Amadeo re di Sardegna da Lione Pascoli, Roma 1730-1736.

Patin Catherine Charlotte, Pitture scelte e dichiarate da Carla Caterina Patina, parigina, accademica, Colonia 1691.*

Peacham Henry, The complete gentleman. The truth of our times and, the art of living in London, Londra 1634.

Perrault Charles, Le cabinet des beaux arts ou recueil d’estampes gravées d’apres les tableaux d’un plafond au les beaux arts sont representes avec l’esplication de ces memes tableaux, Parigi 1690.

Perrault Charles, Les hommes illustres qui ont paru en France pendant ce siecle: avec leur portraits au naturel, Parigi 1696-1700.

Picart Bernard, Impostures innocentes, ou Recueil d’estampes d’apres divers peintres illustres, tels que Rafael […] par Bernard Picart, dessinateur et graveur: avec son eloge historique, et le catalogue de ses ouvrages, Amsterdam 1734.

Piganiol de la Force Jean Aymar de, Nouvelle description des chateaux et parcs de Versailles et de Marly: contenant une explication historique de toutes le peintures, tableaux, statues, vases et ornamens qui s’y voient, leurs dimensions […] Avec le plans de ces deux maisons royalles, Parigi 1701.

Piles Roger de, Abrégé de la vie des peintres, avec des réflexions sur leurs ouvrages, et un traité du peintre parfait, de la connaissance des dessins et de l'utilité des estampes, Parigi 1699.*

Pinarolo Giacomo, L’antichita di Roma con le cose più memorabili che in essa di presente antiche, e moderne si trovano […] Opera divisa in due tomi, Roma 1703.*

Pino Paolo, Dialogo della pittura, Venezia 1548 [27].

Pio Giovanni Battista, Elegidia Ioannis Baptistae Pii Bononiensis, Bologna 1509.

Porcacchi Tommaso, L’Isole più famose del mondo descritte da Thomaso Porcacchi da Castiglione Arretino; e intagliate da Girolamo Porro, Venezia 1572.


[27] Nella biblioteca di Gabburri era presente una copia manoscritta dell’edizione citata (Dialogo della pittura).

Richardson Jonathan junior - Richardson Jonathan senior, Traité de la peinture et de la sculpture par Mrs. Richardson, père et fils: divisé en trois tomes, Amsterdam 1728.

Ridolfi Carlo, Le maraviglie dell’arte, overo Le vite de gl’illustri pittori veneti, e dello Stato. Ove sono raccolte le opere insigni, i costumi, et i ritratti loro. Con la narratione delle historie, delle favole, e delle moralita da quelli dipinte. Descritte dal cavalier Carlo Ridolfi. Con tre tavole copiose de’ nomi de’ pittori antichi, e moderni, e delle cose notabili, Venezia 1648.*

Ritratti di alcuni celebri pittori del secolo XVII. Disegnati ed intagliati in rame dal cavaliere Ottavio Lioni con le vite de’ medesimi tratte da varj autori, accresciute d’annotazioni. Si e aggiunta la vita di Carlo Maratti scritta da Gio. Pietro Bellori fin all’anno 1689 e terminata da altri […] e un Discorso del medesimo sopra un quadro della Dafne dello stesso Maratti […], Roma 1731.

Rossi Ottavio, Le memorie bresciane opera istorica et simbolica di Ottavio Rossi, Brescia 1616.

Rouille Guillaume, Prontuario de le medaglie de’ più illustri e fulgenti uomini e donne […], Lione 1553.*

Ruggieri Ferdinando, Libro delle fabbriche di Firenze. Studio di architettura civile sopra gli ornamenti di porte e finestre colle misure tratte dalle fabbriche più insigni di Firenze, Firenze 1722.*

Rusconi Giovanni Antonio, Della architettura di Gio. Antonio Rusconi, con centosessanta figure dissegnate dal medesimo, secondo i precetti di Vitruvio, e con chiarezza, e brevità dichiarate libri dieci […], Venezia 1590.*

Saavedra Diego Faxardo, Idea Principis Christiano-Politici Emblem., Amsterdam 1651.

Sacchetti Franco, Delle novelle di Franco Sacchetti cittadino fiorentino, Firenze 1724.

Sagrestani Giovanni, Vite, ms [28].

Salvini Antonio Maria, Prose toscane di Anton Maria Salvini recitate dal medesimo nell’Accademia della Crusca, Firenze 1735 [29].

Samperi Placido, Iconologia della gloriosa Vergine Madre di Dio Maria protettrice di Messina, divisa in cinque libri, ove si ragiona delle imagini di nostra Signora […], Messina 1644.

Sandrart Joachim von, Academia nobilissimae artis pictoriae. Sive de veris et genuinis huiusdem proprietatibus, theorematibus, secretis atque requisitis aliis […], Noriberga 1683.*

Sanmicheli Michele, Li cinque ordini dell’architettura civile di Michel Sanmicheli rilevati dalle sue fabriche, e descritti e publicati con quelli di Vitruvio, Alberti, Palladio, Scamozzi, Serlio, e Vignola dal co. Alessandro Pompei, Verona 1735.

Sarnelli Pompeo, Guide de’ forestieri, curiosi di vedere, e d’intendere le cose più notabili della regal città di Napoli, e del suo amenissimo distretto. Ritrovata colla lettura de’ buoni scrittori, e colla propria diligenza dall’abate Pompeo Sarnelli, hoggi vescovo di Biseglia. In questa nuova edizione dall’autore molto ampliata, e da Antonio Bulifon di vaghe figure abbellita, Napoli 1697.*

Sauval Henry, Galanterie des rois de France, depuis le commencement de la monarchie, Parigi 1731.

Scannelli Francesco, Il microcosmo della pittura, overo trattato diviso in due libri. Nel primo spettante alla theorica si discorre delle grandezze d’essa pittura, delle parti principali, de’ veri primi, e de’ più degni maestri […], Cesena 1657.*

Scelta di sonetti e canzoni de’ più eccellenti rimatori d’ogni secolo, Bologna 1718.

Schedel Hartmann, Liber chronicarum, Norimberga 1493.

Scilla Agostino, La vana speculazione disingannata dal senso, Napoli 1670.

Scotto Francesco, Itinerario overo descrizione dei viaggi principali d’Italia, Padova 1687.*

Sgrilli Bernardo Sansone, Descrizione e studi dell’insigne fabbrica di S. Maria del Fiore metropolitana fiorentina in varie carte intagliati da Bernardo Sansone Sgrilli […], Firenze 1733.

Soprani Raffaele, Le vite de pittori scoltori, et architetti genovesi. E de’ forastieri, che in Genova operarono con alcuni ritratti de gli stessi. Opera postuma, dell’illustrissimo signor. Rafaele Soprani nobile genovese. Aggiontavi la vita dell’autore per opera di Gio. Nicolo Cavana, patritio genovese, Genova 1674.*

Sauval Henri, Galanteries des Rois de France, depuis de le commencement de la monarchie […], Parigi 1738.

Stosch Philipp, Pierres antiques gravees, sur lesqulles les graveurs ont mis leurs noms. Dessinees et gravees en cuivre sur les originaux ou d’apres les empreintes, par Bernard Picart [...], Amsterdam 1724.

Strozzi Tito Vespasiano, Strozii poetae pater et filius, Venezia 1513.

Superbi Agostino
, Apparato de gli huomini illustri della città de Ferrara: i quali nelle lettere, et in altre nobili virtù fiorirono […], Ferrara 1620.

 

 


[28] Cfr. Zibaldone baldinucciano 1980-1981.

[29] L’opera è stata pubblicata in 6 volumi dal 1735 al 1743: Gabburri lo cita sempre come «abate Anton Maria Salvini, nella parte IV, volume II, delle Prose fiorentine, a 280», per questo motivo ne è stata riportata la data specifica.

Temanza Tommaso, Delle antichità di Rimino, Venezia 1741.

Teoli Antonino, Storia della vita, e del culto di s. Vincenzo Ferrerio dell’ordine de predicatori, composta dal p. lettore fr. Antonino Teoli […], Roma 1735.

Testellin Henry, Sentimens des plus habiles peintres, Parigi 1696.

Teti Girolamo, Aedes Barberinae ad Quirinalem […], Roma 1642.

Ticciati Girolamo, Storia dell’Accademia del Disegno, ms.

Titi Filippo, Nuovo studio di pittura, scoltura et architettura nelle chiese di Roma […], Roma 1708.*

Torre Carlo, Il ritratto di Milano, diviso in tre libri, colorito da Carlo Torre, canonico dell’insigne basilica degli Appostoli,[…] Nel quale vengono descritte tutte le antichità, e modernità, che vedevansi, e che si vedono nella città di Milano, Milano 1674.

Tournefort Joseph Pitton de, Relation d’un voyage du Levant fait par ordre du roy […], Parigi 1717.

Troili (Troglio) Giulio, Paradossi per praticare la prospettiva senza saperla, Bologna 1682.

Tronci Paolo, Descrizione delle chiese di […] Pisa, ms.

Tronci Paolo, Memorie istoriche della città di Pisa […], Livorno 1682.

Ugurgieri Azzolini Isidoro, Le pompe sanesi, o’ vero Relazione delli huomini, e donne illustri di Siena, e suo Stato […], Pistoia 1649.*

Van Mander Karel, Het schilder-boeck waerin voor erst de leerlustighe lueght den grondt der edel vry schilderconst in verscheyden deelen wort voorgedraghen: daer nae in dry deelen t’leven der vermaerde doorluchtighe schilders des ouden en nieuwen tyds; eyntlyck d’wtlegghinghe op den Metamorphoseon Pub. Ovidij Nasonis oock daerbeneffens wtbeeldinghe der figueren; alles dienstich en nut den schilders, constceminders en dichters, oock allen staten van menschen, Harlem 1604.

Varchi Benedetto, Due lezzioni di m. Benedetto Varchi: nella prima delle quali si dichiara un Sonetto di m. Michelagnolo Buonarroti, nella seconda si disputa quale sia più nobile arte la scultura, o la pittura, con una lettera d’esso Michelagnolo, et più altri eccellentiss. pittori et scultori, sopra la quistione sopradetta, Firenze 1549.

Varchi Benedetto, Storia fiorentina di messer Benedetto Varchi. Nella quale principalmente si contengono l’ultime revoluzioni della repubblica fiorentina, e lo stabilimento del principato nella casa de’ Medici […], Colonia 1721.

Varillas Antoine De, Les Anecdotes de Florence, ou L’Histoire secrete de la maison de Medicis. Par le sieur de Varillas, La Haye 1687.

Vasari Giorgio, Le vite de' più eccellenti architetti, pittori, et scultori Italiani, da Cimabue insino a’ tempi nostri: descritte in lingua toscana, da Giorgio Vasari pittore Aretino. Con una sua utile et necessaria introduzzione a le arti loro, Firenze 1550.*

Vasari Giorgio, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori, e architetti scritte da m. Giorgio Vasari pittore et architetto aretino, di nuovo dal medesimo riviste et ampliate con i ritratti loro et con l’aggiunta delle Vite de’ vivi, et de morti dall’anno 1550 insino al 1567 […], Firenze 1568.*

Vasari Giorgio, Ragionamenti […], Firenze 1588.*

Vedriani Lodovico, Raccolta de’ pittori, scultori, et architetti Modonesi più celebri, nella quale si leggono l’Opere loro insigni, e dove l’hanno fatte. Cavata da vari Autori […], Modena 1662.*

Verdizotti Giovanni Mario, Dell’Aspramonte poema heroico di M. Gio. Mario Verdizzotti, Venezia 1591.

Viani Sostegno, Istoria delle cose operate nella China da Monsignor Gio. Ambrogio Mezzabarba patriarca d’Alessandria, legato Appostolico in quell’Impero e di presente Vescovo di Lodi, scritta dal Padre Viani suo confessore e compagno nella predetta Legazione, Parigi 1739.

Victoria Vincente, Osservazioni sopra il libro della Felsina pittrice per difesa di Raffaello da Urbino, dei Caracci, e della loro scuola. Publicate, e divise in sette lettere da d. Vincenzo Vittoria patrizio valenziano, e canonico di Xativa, Roma 1703.

Viola Zanini Giuseppe, Della architettura di Gioseffe Viola Zanini padovano pittore et architetto. Libri due ne’ quali con nuova simmetria, et facoltà si mostrano le giuste regole dei cinque ordini di detta architettura, et osservationi de’ più eccellenti architetti, che in quella habbiano dato ammaestramenti […], Padova 1629.

Wan Wittel Gaspero, Gli eccelsi pregi delle belle arti, Roma 1733.

Weyerman Jacob Campo, De Levens-beschryvingen der nederlandsche konst-schilders en konst-schilderessen, met een uytbreyding over de schilder-konst der ouden, Gravenhage 1729.

Wright Edward, Some observations made in travelling through France, Italy, etc. in the years 1720, 1721, and 1722, Londra 1730.

Zanelli Ippolito, Vita del gran pittore co. Carlo Cignani dedicata al signor co. Cristoforo Tardini […], Bologna 1722.*

Zanotti Giampietro, Dialogo di Gio. Pietro Cavazzoni Zanotti pittore bolognese in difesa di Guido Reni steso in una lettera al sig. dottor Girolamo Baruffaldi ferrarese, Venezia 1710.

Zanotti Giampietro, Lettere familiari scritte ad un amico in difesa del conte Carlo Cesare Malvasia autore della Felsina pittrice da Gio. Pietro Cavazzoni Zanotti pittore [...], Bologna 1705.*

Zanotti Giampietro, Storia dell’Accademia Clementina in Bologna, Bologna 1739.

Zuccaro Federigo, L’idea de’ pittori, scultori et architetti, Torino 1607.

Zucchi Bartolomeo, L’idea del segretario dal signore Bartolomeo Zucchi da Monza academico insensato di Perugia, rappresentata et in un trattato de l’imitatione, e ne le lettere di principi, e d’altri signori, Venezia 1600.

Appendice

AIGUIER MICHELE, Conferenze

ASINO MICHELE, Libro con tutti i principi del disegno

BEMBO, Distico su Raffaello

BERNI FRANCESCO, Capitolo a Bastiano del Piombo

Biblioteca bolognese

BONEFAL, conte di, Memorie

BUONANNI VINCENZIO, Trionfo degli dei

CASTIGLIONE BALDESAR, Epigramma in morte di Raffaello

Catalogo degli Accademici di Roma 1657, Roma 1680

Catalogo dei pittori accademici di Roma

CHIARINI MARCANTONIO, Trattato di prospettiva

DANTI GIULIO, Ornamenti dell’architettura

DANTI GIULIO, Trattato dell’alluvione

Delizie dell’Italia

FRANCESCO DEL TAGLIA

Gabinetto di monsù Barent

Gli eccelsi pregi delle belle arti, 1733

Goltzium Herbipolitanum ecc.

GRILLO

Gudling Atlas Brandemburgensis

Istoria del Concilio di Trento, colle note di Pier Francesco de Courages, Amsterdam 1736

Istoria di Enrico II

Joseph de Valdivielso

Köhler, Muntzbelustigung

LANCILLI

Lancillotto

LEERS FILIPPO, Sonetto

Libro degli accademici di Roma, 1648

MAGGI GIROLAMO, De machinis et heronis

Magrolino, Hist sicil.

MAZZOLANI

MONTALBANO, De para todos

Nuovi viaggi di Francia, Parigi 1723

ODDI MAURO, Due libri delle regole di architettura

PARRASIO

PASSERINI FILIPPO, Nuove invenzioni d’ornamenti di architettura e intagli diversi, utili agli argentieri, intagliatori, ricamatori e altri professori del disegno

PELLINI

PIGGI BARTOLOMMEO, Giardino di vasi, fiori di Batolommeo Piggi di Pistoia

Relazione di Giuseppe pittore, Parigi 1717

RICCIARDI FRANCESCO, Breve ragguaglio della rinomata fiera

RODRIGUEZ DE LEON, in Vincenzio Carducci

THEVET, Vite degli uomini illustri

TICCIATI GIROLAMO, Memorie dell’Accademia del Disegno […], 1738 (consegnate manoscritte all’Accademia del disegno in questa data)

TOMBERG GUGLIELMO

TURCHI

Ufizio della Madonna, Roma 1600, con storiette da disegni di Antonio Tempesti, intagliate da Leonardo Parasole

VARMANSAL GUIDO LUIGI, Le belle arti, pittura, scultura e architettura, compimento e perfezione delle bellezze dell’universo

WILLAERTS

Last Updated ( Tuesday, 13 January 2009 )
 
Joomla SEF URLs by Artio