Scheda

Data: 19 08 1569

Intestazione: Giovanni Ricci a Bartolomeo Concini

Segnatura: ASF, CdA, I, c. 86

Fonte: Le statue belle de la vigna di papa Giulio, santa memoria, andaro a spasso sino al tempo di Pio quarto per Belvedere, giardino del Palazzo Apostolico, finché Pio V poi, ha donato tutto al populo romano e si faceva del resto senza che io ne sapessi niente. E venendomi pochi dì sono a l'orecchio feci pregar Sua Santità che me ne donasse un paro, poiché io n' avevo donate a papa Giulio quelle ne avevo di belle. E se ne contentò con farmi ancor grazia de l'altre che erano ruinate e dal freddo e dal caldo, in tanti anni che sonno state a lo scoperto, con dirmi che questi del popolo gli avevon detto, che io avevo mandato fora di molta robba e che io non facessi così di queste. Anzi per Roma i contemplativi dicano che io le guardi bene per un altro papa che verrà e similia. E non di manco, quando si faccia un poca di diligenza con Sua Santità, che la potrà fare il Cardinale parecchio nel modo che io le dirò, in tempo che si ragioni di cose piacevoli, io non mancherò di mandarglene un paro delle migliori e se ne domandarà più mi sarà anche più caro che se le fussero mie assolute. Io non aspettarei d'esserne ricerco perché non ho desiderio maggiore che di servire quelli illustrissimi principi nostri padroni..

Bibliografia: Barocchi-Gaeta Bertelà 1993, pp. 33-34 numero 30.